DETTAGLIO

A conclusione della mostra fotografica OSIAMO

Lunedì, 12 Luglio 2010

Con la mostra fotografica OSIAMO, presentata dall'11 giugno all'11 luglio nell'atrio del Palazzo dei congressi a Lugano, la CORSI ha voluto festeggiare i 75 anni dell'Orchestra della Svizzera italiana (OSI), un complesso strumentale che, più d’ogni altro, ha arricchito, in armoniosa sinergia con i vettori radiofonici e televisivi della RSI, la cultura musicale della Svizzera italiana.

Attraverso una cinquantina di istantanee - alcune risalenti ai primordi come quella del 1935 di autore ignoto, in cui vi si riconosce il primo direttore Leopoldo Casella, ticinese d’Uruguay, tra i pionieri della Radio - sono stati ripercorsi 15 lustri di una storia artistica spesso prestigiosa, durante i quali l'OSI ha ospitato artisti della fama di Wilhelm Backhaus, Igor Stravinskij (che diresse l’Orchestra nel 1954), Leopold Stokowski, Hermann Scherchen, Sergiu Celibidache, Riccardo Chailly, e di grandi interpreti e voci quali Maria João Pires, Martha Argerich, Mischa Maisky, Katia Ricciarelli.

La mostra è stata organizzata e promossa dalla CORSI, in collaborazione con il Dicastero attività culturali della città di Lugano, con il contributo del Dipartimento cantonale educazione, cultura e sport e con il patrocinio dell’Associazione Amici dell’OSI; per l'occasione è stato pubblicato un catalogo, curato dal grafico Marco Mariotta, che contiene tutte le immagini esposte e quattro contributi firmati da Lorin Maazel (che dirigerà l’OSI l’11 settembre all’Auditorium del Parco della Musica di Roma), dalla scrittrice Marta Morazzoni, da Zeno Gabaglio e da Michele Ferrario. Il catalogo, in vendita al prezzo di fr. 15.- per i soci CORSI (fr. 20.- per i non soci) più spese di spedizione può essere ordinato al Segretariato della CORSI (via G. Canevascini 7, 6903 Lugano-Besso, tel. 091 803 60 17, e-mail: info@corsi-rsi.ch).