DETTAGLIO

In ricordo

Martedì, 17 Aprile 2012

La CORSI, attraverso il suo presidente Luigi Pedrazzini, desidera ricordare la figura e l'impegno di Sergio Grandini in seno alla Società cooperativa e quale punto di riferimento per la Svizzera di lingua italiana presso la SRG SSR. 
In allegato, proponiamo anche la testimonianza di Orfeo Bernasconi, collega nell'allora Comitato CORSI. 
Uomo di cultura ed esponente del mondo economico: questo, ma non solo, fu Sergio Grandini, scomparso recentemente all’età di 88 anni. Anche la CORSI e la Radiotelevisione svizzera ebbero in lui per molto tempo un valido e apprezzato rappresentante e collaboratore. Socio della Società cooperativa radiotelevisiva fin dal 1950, nel giugno del 1977 l’assemblea CORSI lo elesse quale membro del Comitato del Consiglio regionale in sostituzione del dimissionario Franco Masoni. Tre anni più tardi, a partire dal 1° gennaio del 1980, assunse anche la carica di membro supplente del Comitato centrale SRG SSR e, sempre a livello centrale, entrò nella Commissione finanze dell’Azienda. A seguito della scadenza del mandato di Alberto Bottani, il 1° gennaio del 1983 divenne membro a pieno titolo del Comitato centrale SRG SSR. Fino alla scadenza dei suoi mandati nel 1992, in seno agli organi istituzionali della CORSI e della SRG SSR Grandini si impegnò a fondo su diversi progetti, fra i quali il processo di regionalizzazione del Telegiornale, riuscendo, accanto all’allora direttore generale Stelio Molo, a far ottenere alla RSI le risorse e gli spazi necessari. Tra l’altro fu proprio Grandini a sostenere la proposta di dedicare l’auditorio della sede RSI di Lugano-Besso al direttore generale Molo. Per diversi anni è stato pure collaboratore dei servizi culturali della RSI: si ricordano a titolo di esempio le sue accurate presentazioni dei cinque finalisti del premio letterario Campiello, di cui fu membro del comitato tecnico, un appuntamento che la nostra radio ebbe l’opportunità di proporre per oltre vent’anni.
A nome della CORSI desidero esprimere un profondo senso di riconoscenza a Sergio Grandini e porgere ai familiari le più sincere condoglianze.